Top

Così in Israele la sinistra si suicida al governo

Se Meretz e Labor sono davvero impegnati nei valori della sinistra, è ora di dimostrarlo nell'esecutivo

<picture> Così in Israele la sinistra si suicida al governo </picture>
Ehud Barak, Stav Shaffir e Nitzan Horowit

Umberto De Giovannangeli

9 Gennaio 2022


Preroll

Israele, la sinistra si suicida al governo. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Globalist ritorna sul tema con un nuovo compagno di viaggio: Tom Mehager, attivista della comunità Mizrahi.

Middle placement Mobile

Scrive Mehager su Haaretz: “La componente chiave nella dichiarazione di Ehud Barak che non abbiamo un partner palestinese per la pace non era solo l’osservazione ma anche la posizione dell’allora primo ministro all’epoca. Nel 2000, Barak era il leader della sinistra israeliana, che, a suo dire, era andata il più lontano possibile verso i palestinesi. Sosteneva che la pace e la riconciliazione tra i popoli non erano fattibili.

Dynamic 1

Siamo fissati con l’idea che siamo destinati a governare il popolo palestinese con la forza militare perché la sinistra ha offerto tutto e i palestinesi sono quelli che hanno rifiutato la pace. E se questo è il caso, possiamo continuare l’occupazione, gli insediamenti, l’espropriazione. Allo stesso modo, il ‘governo del cambiamento’ sta rafforzando la presa ideologica della destra sulla società israeliana. Mentre in passato, di volta in volta all’opposizione, i partiti Labor e Meretz si sono opposti alla modifica della legge sulla cittadinanza, che impedisce l’unificazione delle famiglie palestinesi, hanno votato per questa legislazione nell’attuale Knesset. Alcuni mesi fa i Labor e Meretz hanno sostenuto l’innalzamento dell’età pensionabile per le donne, una mossa che ritarda significativamente il diritto di una donna alla pensione. In futuro, come potrà la sinistra opporsi alla legislazione razzista o alle misure economiche ora che ha sostenuto politiche così dannose per grandi gruppi più deboli della società? Nella coalizione di governo, l’opzione per una sinistra coerente e insistente sta diminuendo.

Un argomento a favore del governo di Naftali Bennett è che l’alternativa, il governo di Benjamin Netanyahu, è peggiore, quindi dobbiamo accontentarci del male minore. Questo è un cattivo approccio per due motivi. In primo luogo, in tutto ciò che riguarda le questioni centrali tra la destra e la sinistra israeliane, non c’è differenza tra i governi di Bennett e Netanyahu. Per esempio, Israele continua a violare i diritti umani in Cisgiordania, in misura ancora maggiore. Più di sei mesi da quando Bennett ha formato il suo governo, è difficile pensare a qualsiasi passo significativo che abbia fatto che rifletta una visione del mondo di sinistra.

Dynamic 2

In secondo luogo, almeno in un modo critico, un governo di destra in competizione con una risoluta opposizione di sinistra è meglio che avere la sinistra assimilata in un governo di destra.

La comunità araba israeliana vede il formarsi di un consenso ebraico dal Meretz al Labor e fino al partito di destra Yamina di Bennett, un consenso a favore dell’approfondimento dell’occupazione. Nelle ultime elezioni l’affluenza tra gli arabi israeliani è scesa significativamente, al di sotto del 50%, soprattutto perché hanno capito che la loro partecipazione politica era inefficace.

Dynamic 3

Allo stesso tempo, sotto la rubrica ‘Chiunque ma non Bibi’, la sinistra sta stringendo di fatto alleanze con le componenti più razziste della società israeliana. Questo danneggia fatalmente la possibilità di formare un campo ebreo-arabo per la giustizia e la riconciliazione. Ora è il turno della comunità araba di dire ‘non c’è nessun partner’.

Se Meretz e Labor sono davvero impegnati nei valori della sinistra, è ora di dimostrarlo nel gabinetto. Devono insistere nel ritrattare l’etichettatura del ministro della difesa Benny Gantz di sei gruppi per i diritti dei palestinesi come sostenitori del terrorismo. Israele non ha presentato una sola prova per giustificare questa cattiva decisione.

Dynamic 4

Negli affari sociali, i rapporti del governo che raccomandano la revoca dei privilegi terrieri dei kibbutzim devono essere adottati, mentre si deve assumere la responsabilità per la scomparsa di neonati e bambini ebrei yemeniti, nordafricani e balcanici nei primi anni dello stato.

Queste richieste potrebbero inviare il messaggio vitale che c’è una sinistra in Israele e che è un fattore influente nel governo”. 

Dynamic 5

Così Mehager 

Quale “cambiamento”?

Del “governo del cambiamento” fa parte Tamar Zandberg, leader di Meretz, la sinistra pacifista israeliana, neo ministra della Protezione ambientale. Sul tema della pace così si è espressa in una recente conversazione con chi scrive: “Quando parlo di subalternità alla narrazione della destra, mi riferisco anche a questo. Come se la pace fosse altra cosa rispetto ai problemi di tutti i giorni, una sorta di bene di lusso per i ricchi borghesi di Tel Aviv. Qui sta un nostro limite. Non aver fatto intendere che pace e giustizia sociale sono le due facce di una stessa medaglia. Perché raggiungere una pace giusta con i palestinesi significa destinare una parte importante del nostro bilancio statale dalla difesa all’istruzione, alla sanità pubblica, alla ricerca. Riconosco un nostro limite, grave, ma questo non significa che questa idea di pace sia tramontata. La pace non è, come la destra ripete, un cedimento al terrorismo e. a chi vorrebbe buttare a mare gli ebrei e cancellare Israele dalla carta geografica del Medio Oriente. La pace è uno dei pilastri su cui rifondare la nostra democrazia. Se questo significa ‘testimonianza’, ne vado fiera”.  

Ora, però, questa “testimonianza” è parte del governo. Farla pesare è un obbligo. Morale, oltre che politico. Se non si vuole infliggere l’ennesimo tradimento ad un elettorato di sinistra che non si accontenta, giustamente, di aver defenestra “Re Bibi” se poi si continua a fare una politica “alla Netanyahu” senza Netanyahu. “Il cambiamento deve essere riempito di contenuti –ebbe a dire a Globalist Yael Dayan, scrittrice, più volte parlamentare laburista, figlia di uno dei miti d’Israele, il generale Moshe Dayan -. Sappiamo bene che a tenere insieme gli otto partiti è l’aver praticato lo slogan ‘tutti, tranne Bibi’. Ora, però, occorre evitare che la politica del governo sia tutta orientata a destra. In questo senso, l’atteggiamento da tenere nei confronti dei coloni e delle loro frange più estreme, è un banco di prova per le forze di centro e di sinistra che sono al governo. Cedere sulla colonizzazione – conclude Yael Dayan – significa rinunciare ad esistere. Sarebbe un suicidio politico per una sinistra che prova a rialzare la testa”.

La pace sepolta

Le fa eco Mickey Gitzin, direttore del New Israele Fund: “Il discorso del primo ministro alle Nazioni Unite  – annota Gitzin – ha fornito un assaggio del suo concetto di democrazia: Naftali Bennett, almeno secondo le sue stesse parole, ha una visione di un paese avanzato e normale – ‘un faro in un mare in tempesta, un faro di democrazia’ – in cui gli oppositori sono capaci di condurre una discussione commerciale e di cooperare per raggiungere obiettivi comuni.

È evidente che egli intende ciò che dice, anche se fa un uso generoso di cliché. Apparentemente Bennett vede davvero Israele come una democrazia liberale, ma la sua democrazia dipende dalla repressione di un certo fatto: ‘Guardate’, ha spiegato ai suoi ascoltatori, ‘gli israeliani non si svegliano la mattina pensando al conflitto’. Tuttavia, il conflitto – o l’occupazione, per chiamare le cose con il loro nome – esiste ancora, anche se il primo ministro non ci pensa quando si sveglia la mattina. Anche se Bennett rappresenta l’estrema destra nell’attuale Governo, non è davvero solo in questa convinzione. È condivisa da molti politici e organizzazioni che lodano la democrazia israeliana, conducono discussioni pratiche sulle sue istituzioni e sistemi, e invitano il mondo a vedere la nuova meraviglia del ‘Governo del cambiamento’.

Il ministro degli Esteri Yair Lapid si ‘strofina’ spesso con i leader delle democrazie occidentali, si vede come qualcuno che condivide i loro valori, e dichiara che il nuovo governo è ‘un’ulteriore prova della forza della democrazia israeliana’ e che “abbiamo creato qualcosa che il mondo intero sta guardando’. Ma quando il mondo guarda l’occupazione, Lapid preferisce guardare altrove. C’è bisogno di un bel po’ di repressione, di dimenticanza o di dimenticanza per vedere Israele come una democrazia nel pieno senso della parola – finché una parte così centrale della sua condotta, delle sue risorse e della sua stessa sopravvivenza coinvolge il dominio chiaramente antidemocratico su milioni di persone che non hanno diritti, che vivono sotto un sistema legale separato senza supervisione parlamentare e con una limitata revisione giudiziaria. C’è chi ignora l’occupazione, chi la giustifica e chi spiega perché è inevitabile. Ma nessuno può affermare che l’occupazione stessa sia democratica.

L’occupazione è un’entità extraterritoriale priva di diritti umani e civili. Permette ai cittadini israeliani soggetti al sistema giuridico israeliano di ricorrere alla violenza contro i palestinesi – che sono soggetti al sistema giuridico militare e non sono cittadini di nessun paese – e di farlo senza paura di essere puniti e mentre i militari chiudono un occhio.

Aiutati dalla fragile situazione politica e dalla paura di Bennett di essere accusato di essere di sinistra, i residenti degli avamposti e i gruppi violenti si comportano come non osavano fare durante il mandato dell’ex primo ministro Benjamin Netanyahu, e la violenza contro i palestinesi e gli attivisti per la pace sta diventando sempre più comune. La debolezza dimostrata dal sistema giuridico di fronte agli aggressori rafforza ciò che già sapevamo: anche se il comandante militare è sovrano sui soggetti palestinesi sul terreno, è lì per proteggere la popolazione ebraica. Il semplice fatto è che non c’è nessun’altra democrazia liberale al mondo che occupi un territorio e una popolazione come Israele, e per la quale l’occupazione è diventata una parte così centrale della sua identità. Israele è stato un paese occupante per quasi tre quarti della sua esistenza. Durante la maggior parte dei 54 anni trascorsi dal 1967, l’occupazione è stata considerata una situazione temporanea che un giorno si sarebbe risolta in uno dei due modi: ritiro o annessione. La democrazia israeliana, inevitabilmente, dipende dalla natura temporanea dell’occupazione, dalla promessa che un giorno finirà, e nel frattempo esiste per motivi di sicurezza e serve come merce di scambio per un accordo futuro.

Ma la situazione temporanea non è più temporanea da molto tempo. Perché i governi israeliani hanno smesso di cercare di promuovere una soluzione diplomatica per porre fine a questa situazione intollerabile – o anche solo di dare un’impressione di farlo. Al contrario: La politica attuale è quella di espandere l’occupazione, allargare gli insediamenti oltre la crescita naturale, e adottare un approccio troppo comprensivo, nella maggior parte dei casi, verso nuovi avamposti stabiliti nel cuore dei territori il cui unico scopo è quello di impedire un accordo finale.

Quando questa è la politica, la questione del partner palestinese, che negli ultimi 20 anni è servita come scusa per il rinvio, è semplicemente irrilevante. L’idea che si è radicata in Israele è che la continuazione dell’occupazione non è un problema degli israeliani ma dei palestinesi, poiché i primi non pensano al conflitto quando si svegliano la mattina, mentre i palestinesi, al contrario, sono abituati a svegliarsi in piena notte a causa di esso.

E ancora, la fine dell’occupazione è nell’interesse di Israele. Finché continua, Israele è al massimo una democrazia con un asterisco. Il desiderio di rimuovere l’asterisco ed eliminare l’occupazione deve essere essenziale per chiunque sia interessato a vivere in una democrazia liberale. Chiaramente ci sono molti ostacoli difficili da superare. Ma anche senza raggiungere una soluzione diplomatica nel prossimo futuro, c’è una lunga serie di passi che possono essere fatti per ridurre il dominio israeliano sui palestinesi e per promuovere il più possibile l’autogoverno palestinese, in un modo che anche le delicate circostanze politiche del governo del cambiamento possono permettere. Se non per la pace, almeno per la democrazia”, conclude Gitzin.

Lo sconforto di Abraham

“Nell’attuale realtà politica israeliana non c’è alcun dibattito politico tra opposti schieramenti. Le parole sinistra e destra rimbalzano da tutte le parti vuote di significato, utili solo come arma per infangare gli oppositori. Il termine ‘sinistra’, in particolare, viene costantemente utilizzato dagli attivisti di destra, specialmente quelli religiosi, come condanna automatica di chi non appoggia il primo ministro. Nell’attuale realtà politica israeliana non c’è invece alcun dibattito politico tra opposti schieramenti. Le parole sinistra e destra rimbalzano da tutte le parti vuote di significato, utili solo come arma per infangare gli oppositori. Il termine «sinistra», in particolare, viene costantemente utilizzato dagli attivisti di destra, specialmente quelli religiosi, come condanna automatica di chi non appoggia il primo ministro. Per evitare la prospettiva di un processo Netanyahu, da leader politico, si è trasformato in quello di una setta che, mediante minacce e lusinghe, argina l’opposizione dei suoi membri mentre il sistema politico si piega davanti a lui per garantirgli un’eventuale immunità annullando elezioni appena tenute, disperdendo il parlamento e indicendo nuove consultazioni elettorali entro tre mesi.
Nemmeno i più anziani ed esperti fra noi erano pronti a questo scenario di corruzione e di aperto attacco politico dei partiti di governo allo stato di diritto per far sì che il primo ministro non finisca in prigione. E tutto questo con il sostegno di una folla acclamante. Di fronte a tale realtà proviamo un senso di disgusto e di prostrazione. Non è più questione di posizioni politiche diverse e nemmeno di tendenziose panzane raccontate dal primo ministro e dai suoi assistenti che si succedono a ritmo incessante. Questa è una chiara e spudorata violazione dei valori di solidarietà che erano alla base della promessa sionista di riunire ebrei di diversa provenienza e livello in uno stato democratico.

Negli anni ’70 del secolo scorso due ministri del governo laburista furono sospettati di avere preso tangenti e ancora prima di essere processati si suicidarono per la vergogna. Il primo ministro israeliano Yitzhak Rabin nel 1977 diede le dimissioni perché accusato di aver mantenuto un piccolo conto corrente all’estero, cosa allora vietata ai cittadini israeliani. Il presidente Moshe Katsav fu condannato a sette anni di carcere da un giudice distrettuale arabo per aver sessualmente molestato la sua segretaria. Il primo ministro Ehud Olmert finì in carcere per aver ricevuto finanziamenti illeciti per la sua campagna elettorale. Fino a ieri potevamo consolarci con il fatto che nella palude politica israeliana ci fossero ancora principi di giustizia e di uguaglianza. Ma ecco che ora il primo ministro calpesta spudoratamente la legge per salvare la propria pelle e conduce il paese a una nuova, aspra e costosa campagna elettorale a poche settimane di distanza dalla precedente. C’è quindi da meravigliarsi che persone come me, indipendentemente dalla loro posizione politica, provino un senso di avvilimento e di paralisi?”.

Queste considerazioni fanno parte di un lungo articolo di Abraham Bet Yehoshua, il grande scrittore israeliano, pubblicato da La Stampa l’8 agosto 2019. Un anno e mezzo dopo, le cose sono ulteriormente peggiorate. E l’avvilimento di Yehoshua si è trasformato nel Grande sconforto condiviso da quella parte d’Israele che sogna una sinistra che non c’è. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage