Israele, viaggio nel fondamentalismo ebraico: uno "Stato" nello Stato

Israele, uno “Stato” nello Stato: quello degli ultraortodossi. Uno “Stato” che se ne sbatte del distanziamento sociale, che tiene aperte le sue scuole talmudiche anche in tempi di lockdown.

Ebrei ortodossi

Ebrei ortodossi

Umberto De Giovannangeli 3 maggio 2021

Israele, uno “Stato” nello Stato: quello degli ultraortodossi. Uno “Stato” che se ne sbatte del distanziamento sociale, che tiene aperte le sue scuole talmudiche anche in tempi di lockdown. Uno “Stato” che riunisce centomila persone per una cerimonia che si trasforma in tragedia.

A darne conto è un editoriale di Haaretz e una riflessione di Yossi Verter, firma di punta del giornalismo progressista israeliano, che chiama pesantemente in causa il primo ministro Benjamin Netanyahu.

“Dopo ogni disastro civile con più vittime in Israele negli ultimi decenni – scrive Haaretz.-  l'identità dei responsabili poteva essere chiaramente notata. I tribunali lo hanno fatto, condannando i responsabili in casi come il crollo di un pavimento in una sala per matrimoni a Gerusalemme nel 2001, e il crollo di un ponte durante i Giochi Maccabiah nel 1997.

Due decenni dopo, nella tragedia del 2018 in cui gli studenti sono annegati in un'alluvione lampo, lo stato ha spinto la responsabilità su un preside e una guida che non hanno ascoltato gli avvertimenti su tale possibilità. Ci sono anche parti colpevoli nel disastro di giovedì notte in cui 45 persone sono state schiacciate a morte durante le feste di Lag Ba'omer sul monte Meron. In questa catastrofe, la lista dei responsabili è particolarmente lunga, perché anche se questo sito attira più di 1,5 milioni di visitatori all'anno, un terzo dei quali a Lag Ba'omer, è gestito da gruppi religiosi senza scopo di lucro che non riconoscono il diritto dello stato di aiutare a gestire il sito.

Due rapporti del controllore di stato del 2018 e 2019 notano che le leggi di Israele non si applicano all'area intorno alla tomba di Rabbi Shimon Bar Yochai. Già 13 anni fa, il controllore aveva avvertito che il sito è un pericolo per la sicurezza, inadatto a eventi di massa. Nel frattempo, un certo numero di funzionari ultra-ortodossi si sono rivolti ai media, chiedendo che vengano emessi avvertimenti. Ma nessuno ascoltava. Nel 2011, sembrava che lo stato si rendesse conto che doveva assumere la gestione del sito, e nel 2013, il ministro delle finanze ha annunciato la sua intenzione di espropriare l'area intorno alla tomba. Ma nel 2020, un compromesso è stato raggiunto presso l'Alta Corte di Giustizia, con lo stato che sospende il suo piano per almeno tre anni.

Se le autorità, compresi i responsabili dell'ordine pubblico, avessero ascoltato gli avvertimenti e agito in modo responsabile, gli eventi di Lag Ba'omer non si sarebbero tenuti nella loro forma attuale. Poiché questi eventi si sono tenuti anno dopo anno, nonostante i rapporti e gli avvertimenti, è necessaria un'indagine approfondita.

Un'indagine interna delle forze dell'ordine non è sufficiente. Il grave fallimento dello svolgimento di questi eventi richiede una commissione d'inchiesta statale che indaghi a fondo su tutte le circostanze che hanno portato al disastro, compreso un riesame dello status extraterritoriale del complesso. E soprattutto, farebbe luce sulle eventuali responsabilità dei politici alla catastrofe attraverso la loro inazione, negligenza e cedimento alle pressioni. Nei giorni precedenti a giovedì, i legislatori ultraortodossi hanno fatto pressione per tenere l'evento senza alcuna restrizione per il coronavirus, come stabilito dal Ministero della Salute, e il primo ministro Benjamin Netanyahu ha acconsentito a queste richieste. Ci deve essere un'indagine per capire se le pressioni politiche hanno ostacolato procedure accurate, e l'evento si è tenuto nonostante chiari rischi per la sicurezza.

Solo quando emergerà un quadro completo sui responsabili del fallimento in corso, sarà possibile prevenire il prossimo disastro. Fino ad allora, gli eventi di massa nel sito devono essere sospesi.

(Verter) Il tempismo del disastro più ingiustificato della storia di questo paese, 100 ore prima della scadenza del mandato di Benjamin Netanyahu per formare una coalizione, è la prova definitiva della necessità di sostituire il governo”.

Un sistema marcio

Durissimo è il j’accuse di Verter: “Solo in un sistema marcio fino al midollo, guidato da un leader corrotto e preso dai suoi affari personali, possono verificarsi tali tragedie. Solo un mondo politico in cui i leader strisciano davanti a diversi settori e fazioni, assecondando una varietà di capi spirituali ultra-ortodossi, può prendere forma un'anomalia così caotica, priva di ordine e gerarchia.

E solo una leadership fallita, cinica e codarda, non osa affrontare il pubblico (aveva 18 ore per farlo prima dello Shabbat) e assumersi la responsabilità delle sue azioni o della loro mancanza, o anche, Dio non voglia, rispondere alle domande.

Naftali Bennett, Yair Lapid, Gideon Sa'ar, Benny Gantz e tutti i leader del cosiddetto blocco del cambiamento, soprattutto Bennett, non è più ovvio che questo governo debba essere cacciato? Che un tale governo a lungo termine è come una pozzanghera di acqua torbida nel vostro cortile dove crescono i batteri e si diffonde un cattivo odore? Nuovi membri del gabinetto assumeranno i ministeri. Speriamo che portino idee originali, non paurose o immutabili. Il nuovo governo non sarà legato ai partiti ultra-ortodossi, un fatto che inietterà un po' di sanità mentale nelle vene di un sistema intasato e marcio. I suoi ministri sapranno assumersi delle responsabilità. Nell'ottobre 1994 è fallito il tentativo di liberare il soldato rapito Nachshon Wachsman. L'unità d'élite dello stato maggiore non ha usato abbastanza esplosivo per sfondare la porta dell'edificio in cui era detenuto e l'operazione è fallita. Wachsman e uno dei soldati, il capitano Nir Poraz, sono stati uccisi.

Questo è successo un venerdì sera. Entro un'ora, il primo ministro Yitzhak Rabin e il capo dell'esercito, Ehud Barak, hanno parlato alle telecamere. "Sono responsabile", ha detto Rabin. Non doveva assumersi la responsabilità; si trattava di un contrattempo operativo che non doveva essere imputato ai suoi piedi. Ma quello era Rabin, e queste erano le norme di allora. Netanyahu - il solo menzionare il suo nome accostandolo a quello di Rabin è irritante - ha scelto di posare con uno sguardo severo, fissando la scena del disastro. Ha fatto un annuncio generico e ha dichiarato una giornata di lutto nazionale, cancellando la riunione settimanale del gabinetto. Tutto il paese lavorerà e il gabinetto sospenderà i suoi lavori.

Nel frattempo, la macchina della propaganda di Balfour Street non ha perso un minuto. A causa della tragedia, il primo ministro potrebbe chiedere al presidente Reuven Rivlin una proroga per formare un governo.

E i messaggi sono stati spediti ai loro destinatari. È la responsabilità dell'Alta Corte, ha recitato un ex politico che ora commenta per Channel 13. Un tale numero di vittime è successo solo dopo gli accordi di Oslo, ha blaterato un conduttore di Channel 12. Non cerchiamo i colpevoli, siamo tutti fratelli, ha detto un ridicolo devoto di Bibi al notiziario del venerdì sera di Channel 11. È un cliché, ma a volte l'ovvio deve essere affermato: In qualsiasi democrazia occidentale con abbondanti pretese, le persone che hanno dato le loro firme e approvato l'evento si sarebbero dimesse immediatamente.

Questo include il ministro degli Interni Arye Dery, che insieme ad altri politici ultra-ortodossi ha spinto per permettere a chiunque lo desiderasse di entrare nell'area dove il disastro avrebbe avuto luogo. Include anche il ministro dei servizi religiosi Yaakov Avitan, che è anche del partito Shas di Dery. Il suo ministero è responsabile della gestione del monte Meron. E la lista include il ministro della Pubblica Sicurezza Amir Ohana e il commissario di polizia Kobi Shabtai. Per inciso, questo non succede solo nelle democrazie occidentali. Il ministro della salute della Giordania si è dimesso dopo che sette persone con Covid-19 sono morte quando il sistema di fornitura dell'ossigeno si è guastato in un ospedale di Amman. Ecco cos'è la responsabilità ministeriale.

Non abbiamo visto Dery o Avitan. Ohana ha visitato un ospedale, circondato da frotte di guardie di sicurezza e agenti di polizia, che lo hanno separato dai giornalisti. La notte prima del disastro, Ohana e il commissario da lui nominato hanno visitato Meron per un giro di vittoria. Sono stati fotografati mentre sorridevano e si ringraziavano a vicenda, senza rinunciare ai selfie con i loro ammiratori. Era l'espressione più plateale del marcio imperante.

Non li abbiamo sentiti venerdì. Solo un uomo giusto (che probabilmente vivrà per pentirsene), il capo della polizia del distretto settentrionale Shimon Lavi, ha affrontato i media, dicendo con voce chiara che come comandante si stava assumendo la responsabilità.

Nei prossimi giorni saremo inondati da precedenti rapporti del controllore di stato, da verbali di commissioni parlamentari e da promemoria di alti ufficiali di polizia. Ci sono stati infiniti avvertimenti; dopo tutto, questo paese vive di avvertimenti. Tutti avevano ragione, tutti se lo aspettavano, tutti emettevano un avvertimento in tempo.

Questa montagna di parole può essere riassunta in un tweet di tre anni fa del giornalista ultraortodosso Arye Erlich: "La stretta via d'uscita che porta dal luogo dell'accensione delle torce da parte dei Toldot Aharon Hasidim crea un collo di bottiglia, con orribili spinte che possono schiacciare le persone. Questa è l'unica uscita (!) ... La fiaccolata non deve essere tenuta in questo sito prima che sia creata un'uscita più ampia con segnaletica".

Erlich ha riferito questo dopo essere miracolosamente sfuggito ai festeggiamenti nel 2018. Non serve aggiungere altre parole”.

Storia di una tragedia annunciata. E di un primo ministro connivente.