Concerto a Wuhan dopo 16 mesi di Covid: 11 mila persone ad un concerto senza mascherine

La città simbolo della pandemia di Covid 19 prova a tornare alla normalità "Non è stato facile arrivare dove siamo oggi"

Wuhan Strawberry Music Festival

Wuhan Strawberry Music Festival

globalist 3 maggio 2021
Wuhan nell'arco di 16 mesi è divenuta, da simbolo di disperazione e smarrimento, un simbolo di speranza e rinascita per tutto il Mondo.
Nella citta cinese hanno organizzato un concerto, il Wuhan Strawberry Music Festival, con migliaia di persone festanti, poche mascherine e dove c'erano moltissimi giovani.
L’evento di due giorni riunisce cantanti e band nazionali più o meno affermati su tre palchi all’interno del parco del Garden Expo di Wuhan. 
La manifestazione è tornata dopo l’annullamento dello scorso anno a causa delle restrizioni anti-Covid, attirando partecipanti da tutto il Paese. Uno degli organizzatori ha riferito all’agenzia Reuters che quest’anno i numeri sono stati limitati, aggiungendo che sabato “erano presenti circa 11.000 persone”.
Davanti a ogni palco sono state installate barriere, mentre il personale di sicurezza ha verificato che il limite di persone presenti nelle aree fosse rispettato. Pochi i presenti che indossavano le mascherine, nessun distanziamento.
Wuhan è stata protagonista del primo lockdown mondiale nel 2020, con oltre due mesi di restrizioni. Negli ultimi mesi, secondo i dati comunicati dalle autorità, la città ha avuto pochissimi casi di virus con focolai sporadici.
“L’anno scorso abbiamo sofferto molto il coronavirus”, ha detto Gao Yuchen, studente di 23 anni e residente a Wuhan. Il giovane ha proseguito: “Non è stato facile arrivare dove siamo oggi. 
Le persone hanno fatto enormi sforzi e hanno pagato un prezzo molto alto a causa del virus. Quindi sono molto entusiasta di essere qui al festival”.