In Israele Netanyahu è più disperato e pericoloso di prima

Il premier dopo l'ennesimo voto anticipato ha 52 seggi al suo attivo mentre Yair Lapid, leader dell'opposizione, ne ha 45. Ha 28 giorni per trovare una maggioranza

Netanyahu

Netanyahu

Umberto De Giovannangeli 7 aprile 2021

Più disperato e pericoloso di prima. Titola Haaretz. Ora che ha ricevuto dal presidente Reuven Rivlin  l'incarico di formare il prossimo governo. In base alle indicazioni dei partiti, Benjamin “Bibi” Netanyahu ha 52 seggi al suo attivo mentre Yair Lapid, leader dell'opposizione, ne ha 45. Netanyahu avrà 28 giorni a disposizione per raggiungere la maggioranza di 61 seggi su 120 alla Knesset, più una eventuale  proroga di 2 settimane. L'annuncio è arrivato lunedi sera mentre  al tribunale distrettuale di Gerusalemme era ripreso in mattinata, per il secondo giorno consecutivo, il processo a Netanyahu che è accusato di corruzione, frode ed abuso di potere.

 Diversamente dalla prima seduta, “Bibi” non si trova va in aula perché la sua presenza non era  ritenuta necessaria.  I tre giudici della Corte  hanno ascoltato,  per il secondo giorno, la deposizione dell'ex direttore del sito di informazione Walla, Ilan Yeshua, che ieri ha affermato di aver ricevuto sistematicamente dall'entourage del premier indicazioni circa la impostazione delle notizie. Secondo Haaretz, Yeshua ha intanto denunciato di aver ricevuto lunedì un messaggio minatorio da sconosciuti.

Attacco alla democrazia

In questo nuovo capitolo del nostro viaggio nell’Israele del dopo elezioni, quelle del 23 marzo, le quarte in due anni, Globalist si accompagna a due guide d’eccezione, ambedue firme storiche del quotidiano progressista di Tel Aviv: Yossi Verter e Noa Landau.

“Come era previsto – esordisce Verter -l presidente Reuven Rivlin ha incaricato il primo ministro Benjamin Netanyahu di formare il prossimo governo di Israele. Lunedì sera, dopo la fine delle consultazioni, è stata sollevata la possibilità che Lapid e Bennett possano chiedere congiuntamente che Rivlin rimandi la sua decisione a mercoledì. Lapid è stato il primo a dire di no. Nonostante le vuote accuse di Netanyahu e la paura che Rivlin sia contro di lui, la verità rimane che Rivlin ha, di fatto, incaricato Netanyahu di formare un governo cinque volte. Gli ha dato più opportunità di costruire un governo di quante ne abbia date qualsiasi presidente a un primo ministro nella storia di Israele. Ma non riceverà scuse da Balfour Street, anzi il contrario; continueranno solo a calunniarlo. Nei prossimi 28 giorni, incontreremo probabilmente un Netanyahu mai visto prima; più disperato e pericoloso che mai, senza più nulla che lo tenga sotto controllo. Sa che alla fine di questa strada non lo aspetta una quinta campagna elettorale, che lo lascerebbe nella sua situazione preferita: Il primo ministro di un governo provvisorio e paralizzato. Ma questa volta dovrà probabilmente affrontare un governo Bennett-Lapid. I suoi giorni saranno trascorsi nell'opposizione politica e in tribunale.

Ci è stata mostrata un'anteprima di ciò che è avvenuto lunedì con un altro discorso demagogico, falso e difensivo che attacca il sistema giudiziario, che osa consegnarlo alla giustizia. Lo scopo di questo discorso per portare avanti il suo caso non è chiaro, così come la sua utilità politica. Forse è stato spinto dalla sua famiglia ad andare all'attacco. Ma è servito a ricordare a tutti chi e cosa è Netanyahu, e il pericolo che rappresenta. Per essere sicuri, la giuria non è commossa dalla sua teatralità. In ogni caso, Netanyahu stava facendo appello direttamente ai suoi sostenitori più fedeli. Da anni coltiva e incita l'odio bruciante dei suoi seguaci a proprio vantaggio, preparandoli a contestare qualsiasi risultato elettorale che non sia a suo favore, come il suo idolo Donald Trump, che ha incitato gli hooligans a ribellarsi per suo conto alla Casa Bianca prima di attaccare il Congresso al Campidoglio.

Nelle prossime quattro settimane, Netanyahu cercherà i disertori. Farà offerte stravaganti e farà pressione sui rabbini ortodossi Bezalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir affinché accettino di dare alla Lista Araba Unita un timbro di approvazione Kosher. Sfiderà le leggi fondamentali di Israele, forse la legge fondamentale sul presidente dello Stato. Allo stesso tempo, però, queste quattro settimane daranno tempo sufficiente a Yair Lapid e Naftali Bennett per concordare la composizione del loro governo congiunto. Sono già nel mezzo di intensi negoziati nel tentativo di raggiungere un accordo che dia loro un sostegno abbastanza ampio da giustificare il conferimento del mandato da parte di Rivlin. Non ha ancora funzionato, ma la direzione è chiara. Bennett sarà il primo ministro, seguito da Lapid in un governo di unità, contando su una manciata di voti dei legislatori arabi o, in alternativa, raccogliendo qualche disertore dall'altro campo.

Rivlin ha accennato lunedì che se il candidato che sceglie per formare il governo fallisce, prenderà in considerazione la possibilità di girare la decisione alla Knesset, rinunciando ad affidare la formazione di un governo ad un altro legislatore. Tuttavia, se un altro legislatore gli presenta la prova che può formare un governo sostenibile, Rivlin probabilmente sarà d'accordo. Abbiamo visto il presidente passare lunghe ore di fronte ai rappresentanti dei 13 partiti eletti. Ha detto ad ogni delegazione quello che non volevano sentire; ha chiesto al Likud di suggerire un candidato alternativo a suo nome, nel caso in cui considerazioni etiche influissero sulla sua decisione. Era affascinante vedere come le loro facce cadevano nel momento in cui sentivano la parola "etica". Non è stato anche un caso che Netanyahu abbia scelto il ministro della Pubblica Sicurezza Amir Ohana per rappresentare il Likud rispetto ai lparlamentari Tzachi Hanegbi e Ofir Akunis, che hanno un maggiore rispetto per Rivlin. Netanyahu ha scelto Ohana per mandare un messaggio a Rivlin, e Ohana non ha deluso. Nel suo caratteristico stile conflittuale, Ohana ha dichiarato che veniva direttamente dal processo di Netanyahu "in nome della verità e della giustizia". Rivlin, sotto shock, ha risposto: "Questa è la tua opinione, non quella di questa casa".

Un'ultima parola su Gideon Sa'ar: se avesse raccomandato Lapid lunedì, i rappresentanti venuti dopo di lui avrebbero dato a Lapid la maggioranza. Tuttavia, non ha potuto farlo non a causa delle sue promesse elettorali (ha detto che non avrebbe aderito a un "governo Lapid", non a un governo di rotazione) o perché si aspetta che le sue fortune politiche aumentino, ma soprattutto perché Bennett e Lapid, incapaci di raggiungere un accordo la sera prima, si sono appoggiati ciascuno a se stesso”.

Fin qui Verter. Ora il “testimone” passa a Noa Landau.

Un governo di esperti

“L'uomo che porta il fardello più pesante sulle sue spalle in Israele in questi giorni, il presidente Reuven Rivlin, ha riassunto accuratamente la situazione politica degli ultimi due anni in una frase disperata lunedì: "La democrazia si è esaurita con quattro elezioni". Esaminare questa affermazione in un contesto più ampio rivela che Rivlin non la intendeva come un'affermazione drammatica sul carattere o sul sistema di governo di Israele. Piuttosto, si riferiva al semplice fatto che dopo quattro elezioni in due anni, una quinta elezione non ci dirà nulla di nuovo, e quindi deve essere impedita. La maggior parte degli israeliani sarebbe senza dubbio d'accordo sul fatto che una quinta elezione dovrebbe essere evitata quasi ad ogni costo. Ma c'è una persona che chiaramente beneficia solo dell'impasse politica in corso: il primo ministro Benjamin Netanyahu. Dopo tutto, finché ci sono le elezioni, lui rimane il primo ministro ad interim. Una sesta elezione? Settima? Ottava? Per quanto lo riguarda, facciamo le elezioni per sempre e lui sarà in carica per sempre.

Certo, un governo provvisorio ha dei limiti a ciò che può fare. Paralizza il paese. Ma è già chiaro che gli interessi personali dell'uomo che si destreggia tra l'ufficio del primo ministro e il tribunale di Gerusalemme superano qualsiasi altra considerazione.

Inoltre, Netanyahu si è impegnato a far ruotare il posto di primo ministro a Benny Gantz in futuro. Ma l'unica persona che ancora crede che questa promessa possa essere mantenuta è lo stesso Gantz, e forse sua moglie - anche se anche questo è lontano dalla certezza.

Un accenno al fatto che una quinta elezione è ciò che Netanyahu vuole veramente - dato che ancora una volta non è in grado di raccogliere il sostegno di 61 dei 120 legislatori della Knesset, con o senza l'appoggio del Movimento Islamico - si è sentito tra le righe dei commenti dei suoi portavoce da quando sono stati annunciati i risultati delle ultime elezioni. Certo, ci sono stati sforzi per mantenere l'apparenza che l'opzione dell'appoggio della Lista Araba Unita rimane aperta, ma soprattutto per evitare che quel partito formi un governo con gli avversari di Netanyahu. In pratica, il blocco "totalmente di destra" non ha nulla da perdere da un altro giro. Anche Bezalel Smotrich, capo del partito del Sionismo Religioso, non ha esitato a seppellire l'opzione di formare un governo Netanyahu con l'appoggio dell'UAL.

Questo blocco preferirebbe che l'opinione pubblica incolpasse l'altra parte per questo passo che, a dir poco, è impopolare. Ma di fatto, il blocco rivale glielo sta rendendo facile con i suoi imbarazzanti battibecchi su chi lo guiderà.

Dato tutto questo, una cosa è chiara: se ci sarà una quinta elezione, Netanyahu non ha alcun mandato per guidare un altro governo di transizione, chiaro e semplice. Con o senza le accuse contro di lui, la cui gravità è stata dimostrata ancora una volta lunedì, è qualcuno che ha fallito più e più volte nel formare un governo funzionante e ha perso qualsiasi autorità o legittimità pubblica per rimanere al potere. C'è una soluzione per questa situazione. Certo, è una soluzione estremamente insolita per Israele, ma è stata usata più di una volta nel mondo democratico: un governo di esperti.

I governi composti da esperti, noti anche come governi tecnocratici, si formano nelle democrazie parlamentari per un tempo definito proprio per uscire da situazioni eccezionali come quella in cui è impantanato Israele. Dalla metà del XX secolo, più di 25 governi di questo tipo sono stati istituiti in Europa.

I loro leader e membri non sono politici, ma professionisti il cui compito è principalmente quello di gestire il paese e preservare lo status quo in una certa misura fino a quando l'ordine politico viene ripristinato - per esempio, fino a quando si tengono nuove elezioni.

Questo può sembrare radicale e bizzarro, e sarà difficile decidere chi dovrebbe guidare un tale governo. Tuttavia, è l'unica soluzione. È stato provato con successo in molti paesi e funzionerà anche qui. Se siamo diretti verso una quinta elezione, è giunto il momento che anche Israele abbia un governo tecnocratico”.

Noa Landau da voce a quella parte d’Israele, non solo di sinistra, che non accetta questa continua roulette russa elettorale a cui ha condannato il paese l’uomo che non conosce limiti quanto a bramosia di potere: Benjamin Netanyahu. Rispetto a lui, Donald Trump è un dilettante.