Dopo quasi 4 mesi gli ultimi giapponesi trumpiani continuano a presentare ricorsi contro il voto per posta

Oggi la Corte Suprema americana ha dovuto rifiutare per l'ennesima volta il ricorso dei repubblicani della Pennsylvania contro l'estensione della data di consegna per il voto per posta

Trump

Trump

globalist 22 febbraio 2021
A quasi 4 mesi di distanza, Donald Trump non si è ancora arreso. E oggi, la Corte Suprema americana ha dovuto rifiutare per l'ennesima volta il ricorso dei repubblicani della Pennsylvania che, come gli ultimi giapponesi che si rifiutarono di arrendersi a seconda guerra mondiale finita, protestano contro l'estensione della data di consegna per il voto per posta alle ultime elezioni presidenziali. Tre dei giudici conservatori - Clarence Thomas, Samuel Alito e Neil Gorsuch — hanno espresso il loro dissenso con la decisione presa dalla maggioranza degli altri 6 giudici.