Al via il processo al ragazzo affetto da artrite reumatoide arrestato per aver coltivato cannabis terapeutica

Fratoianni: oggi inizia processo a ragazzo affetto da artrite reumatoide arrestato per aver coltivato cannabis terapeutica a lui necessaria per lenire i dolori. Vittima di una legge ingiusta e assurda.

Cannabis

Cannabis

globalist 23 febbraio 2021





Un Paese sotto ricatto. Ipocrita e spietato con chi soffre. 
"Walter De Benedetto è affetto da artrite reumatoide che comporta una progressiva perdita di mobilità e fa uso di cannabis terapeutica, come da prescrizione medica, per lenire gli atroci dolori. Nell' ottobre del 2019 è stato arrestato per averla coltivata in casa, non essendo il servizio sanitario in gradi di garantirgli la quantità a lui necessaria. E oggi si terrà il suo processo, ad Arezzo dove rischia fino a 6 anni di carcere."

Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni sulla vicenda del ragazzo a favore del quale nei mesi scorsi si sono mobilitati scrittori, registi, intellettuali.

"Walter, come tante e tanti, è vittima di una legge ingiusta e assurda, - prosegue l'esponente della sinistra - che a parole permette l'utilizzo della cannabis terapeutica, ma nei fatti non ne garantisce la disponibilità e l'accesso. Costringendo così i pazienti a dover scegliere tra il dolore e l'illegalità."

"La soluzione è legalizzare la cannabis terapeutica e permetterne la produzione per uso personale, sottraendo questo mercato alla criminalità organizzata, garantendo sicurezza e qualità del prodotto. 

E, se non è chiedere troppo, è ora di avviare un dibattito pubblico - conclude Fratoianni - sulla legalizzazione della cannabis senza tabù e con dati alla mano. Di fronte al diritto alla salute e alla dignità dell'essere umano non c'è legge che tenga."