J-Ax attacca i negazionisti: "Sono terroristi e ad alcuni politici fa comodo"

Il rapper ha condiviso sul suo profilo Instagram un video in cui denuncia la radicalizzazione dei negazionisti: "Mi hanno minacciato di morte: vogliono bastonarmi, investirmi e riempirmi di botte"

J-Ax

J-Ax

globalist 14 settembre 2021
J-Ax torna a denunciare le minacce ricevute dai no vax, ma questa volta alza il tiro. Prima gli hanno inviato foto di proiettili e ora "vogliono cercarmi, bastonarmi, investirmi e riempirmi di botte", dice in un video postato sul suo profilo Instagram parlando dell’aggressività dei gruppi Telegram dei negazionisti. Il rapper evidenzia il fatto che si stiano radicalizzando, ma visto che sono bianchi, non neri, e non parlano arabo, "ad alcuni politici fa comodo trattarli come goffi svalvolati".
Nel video social J-Ax ha parlato degli screenshot pubblicati sui giornali delle minacce di gruppi Telegram dei negazionisti del Covid: "Non è la prima volta: in passato ho anche ricevuto foto di proiettili. Se queste cose le avessero scritte e fatte persone con una tonalità di carnagione più scura della mia, e che magari parlano arabo, ho il presentimento che i carabinieri sarebbero intervenuti per entrargli a casa sfondando le finestre. Ma visto che queste persone sono bianche e fanno comodo a qualche politico, possono minacciare di morte, pedinare i medici, bloccare le città e fare quello che vogliono", spiega stizzito il rapper.
J-Ax si è rivolto poi ai politici: "Quando la politica capirà che siamo di fronte a un gruppo di terroristi che si sta radicalizzando, sarà, come sempre, troppo tardi". E attacca senza mezzi termini: "Solo quando sarà troppo tardi e a quel punto a pagare, spero, ci saranno le persone che dal Parlamento stanno facendo il tifo e proteggono questi anti-italiani. Si sono anti-italiani perché più spazio hanno e più rallenteranno il rilancio del nostro Paese". 
Il rapper ha spiegato che capisce la paura che "hanno le persone che non vogliono vaccinarsi. Cosa credete? Che noi che siamo vaccinati non abbiamo avuto dubbi? Non ci siamo detti 'Magari la sfiga che qualcosa vada storto capita proprio a me'". Però insiste su un punto fondamentale: "Ma l’abbiamo fatto, perché è un dovere civico, certo per la nostra salute, ma anche per difendere la vostra di salute, la salute del Paese e del mondo". 
E punta il dito contro i negazionisti che "sono solo dei privilegiati, che non hanno mai visto cosa fa il Covid e poi leggiamo di dottori che parlano di negazionisti del Covid attaccati a qualche respiratore che chiedono, implorano il vaccino". Il rapper ha avuto il Covid in casa, e ha perso anche qualcuno di importante: il padre di Jad (degli Articolo 31, ndr) è morto di Covid. E conclude: "Nessuno vuole togliere la libertà di nessuno, si tratta solo di rispettare la vita, il dolore e la morte delle persone, perché questo è il Covid".